L'innovazione nel territorio

Sunlink

- Startupeasy

La soluzione SunLink nasce dall’esigenza di sopperire ai crescenti costi dell’energia elettrica fornendo ai propri clienti una soluzione integrata, basata su una infrastruttura hardware ed una infrastruttura software, gestita interamente tramite cloud e interfacciata con i sistemi di fabbrica intelligente, così come previsto dalla L. 11/12/2016, n. 232, riguardo ai beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello «Industria 4.0».
In ambito industriale gli aspetti energetici sono notoriamente rilevanti. D’altronde oggi il ruolo di chi opera in azienda per tenere sotto controllo, gestire, suggerire azioni volte ad un miglioramento dell’impiego dell’energia (gli Energy Manager) si trova spesso ad operare con strumenti classici, basati su strumenti di misurazione relativi alle fatture dei servizi energetici, i cui dati sono spesso consuntivati mensilmente. Le nuove tecnologie abilitano nuovi sistemi e servizi indirizzati a potenziare l’operatività degli Energy Manager che, oggi, possono beneficiare di strumenti innovativi capaci di abilitare una più puntuale (in termini di sistemi e sottosistemi posti sotto controllo) e frequente (riduzione del periodo di analisi) analisi dell’andamento energetico.
Abilitare per le aziende una più reattiva gestione energetica può fornire un vantaggio competitivo: realizzare sistemi a supporto dell’operatività degli energy manager è il contributo abilitante a cui si rivolgono le nostre soluzioni in sviluppo.
Per permettere una corretta gestione dell’energia è necessario monitorarne l’impiego in azienda secondo una oculata distribuzione di punti di misura, con frequenze di campionamento utili ad evidenziare per tempo ed a permettere analisi contestuali e prospettiche, in vari casi è suggeribile spingersi a misurazioni nell’ordine delle frazioni d’ora e non certo alle quantificazioni consuntive mensili usualmente disponibili. Questi strumenti di misurazione, inoltre, permettono di coprire alcune prescrizioni delle normative specifiche relative ai sistemi di gestione dell’energia (ISO 50001) offrendo quindi un ulteriore vantaggio nella loro adozione.
Le finalità del sistema proposto, dal punto di vista delle aziende, è permettere analisi di convenienza basate su dati attuali e continuativi, che vadano a supportare scelte (Data Driven Economy), in particolare, rivolte a tre dimensioni di intervento:
la dimensione tecnologica: l’adozione di tecnologie nuove, in sostituzione o affiancamento di quelle già presenti in azienda;
la dimensione processuale: supportando, tramite la debita tenuta in considerazione degli aspetti energetici, le analisi di processo produttivo e vagliare le varie possibili soluzioni;
e quella più comune, relativa ai fornitori d’energia, in merito ad offerte commerciali, opportunità di impiego di fonti provenienti da comunità energetiche piuttosto che fornite da società di energia.

Concorrenza

I principali player presenti sul territorio italiano che offrono servizi e prodotti di questa tipologia presentano tutti una dashboard, nella quale viene mostrata una panoramica generale dello stato dell’impianto fotovoltaico, dei consumi e dei costi dell’utente. La maggior parte delle piattaforme prese in considerazione si occupano anche del monitoraggio della co-creazione di energia, delle performance di autoconsumo e della ridistribuzione degli incentivi tra i membri che le compongono. Generalmente le informazioni presenti riguardano l’energia prodotta, l’energia consumata con le varie declinazioni (ovvero autoconsumo, prelievo dalla rete, etc.), con la possibilità di visualizzare i dati cambiando il periodo temporale di riferimento: giorno, settimana, mese e anno. Questa particolarità permette all’utente di monitorare l’andamento dell’impianto nel tempo e sviluppare consapevolezza sulle proprie abitudini energetiche. Tali informazioni sono veicolate dal punto di vista visuale per mezzo di diversi grafici (e.g. a torta, linee, istogrammi) che facilitano e velocizzano la comprensione. A tal riguardo, risulta fondamentale veicolare i dati in maniera chiara e diretta, garantendo una buona leggibilità, in particolare se l’utente non ha competenze specifiche nel settore e perciò potrebbe trovare difficile l’interpretazione dei valori disponibili sull’interfaccia. Solo alcune piattaforme utilizzano dei tooltip per contestualizzare il dato e fornire informazioni aggiuntive in chiave esplicativa o integrativa. Una tendenza che è emersa durante il benchmark è stata quella relativa alla presenza di interfacce statiche con una scarsa flessibilità. Solo alcune piattaforme danno la possibilità di personalizzare la dashboard, attraverso un ecosistema di widget tra cui scegliere, in base alle informazioni che più interessano l’utente. Questo può risultare molto utile in ambito aziendale, avendo la possibilità di scegliere quali dati visualizzare, gli utenti possono immediatamente disporre di report ed informazioni sulla dashboard. Un elemento costante che si ritrova in quasi tutte le piattaforme che sono state considerate nel benchmark è l’impatto ambientale. Nel dettaglio, questa funzionalità ha lo scopo di far acquisire consapevolezza su come il consumo del singolo individuo o dell’azienda influisce sull’ecosistema e si traduce in termini di CO2 risparmiata e numero corrispettivo di alberi che – ipoteticamente – l’utente con il suo comportamento di consumo ha contribuito a piantare. Fattore che dimostra quanto sia importante l’inserimento di un termine di paragone tra il consumo energetico dell’utente e le conseguenze che questo ha sull’ambiente. Nella maggior parte delle aziende analizzate le soluzioni offerte prevedono sia una versione web che una mobile, in modo tale da garantire la possibilità di fruire del servizio in mobilità, con un accesso ai dati diffuso, senza vincoli di hardware. Ancora poca attenzione è riservata all’implementazione di tecnologie di Intelligenza Artificiale per ottimizzare le risorse e dare consigli utili agli utenti su come aumentare l’autoconsumo e ridurre gli sprechi. Tale peculiarità si è trovata proposta solo nella piattaforma Rose Energy, dove ne viene ipotizzato l’utilizzo per una gestione intelligente ed efficiente dell’energia all’interno della comunità energetica. Tuttavia, il benchmark è stato contraddistinto dalla mancanza di un vero e proprio sistema di notifiche capace di consigliare, non solo quando è il momento migliore per consumare nell’arco della giornata, ma anche di suggerire una serie di azioni che, se implementate, potrebbero consentire una massimizzazione dell’autoconsumo, diminuendo il prelievo di energia dalla rete e di conseguenza anche i costi in bolletta.
Settore: SERVIZI
Canali di Vendita: Agenti, Direttamente, E-commerce

Prodotto/Servizio

Team

Dati della startup

Costituzione Impresa : 01/04/2022
Data iscrizione alla sezione delle Startup: 01/04/2022
Denominazione:
SUNLINK S.R.L.
Comune: LUCCA
Codice Fiscale: 02631360464
Forma Giuridica : SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA
Codice Ateco : 6201
Settore : SERVIZI

Sunlink

Modello di Business

La soluzione, venduta in modalità SAAS è venduta sia direttamente, attraverso una propria struttura commerciale che indirettamente attraverso rivendito ri e VAR. Un ulteriore canale di vendita sarà rappresentato dal portale e-commerce, in fase di definizione, per consentire ai cleinti più evoluti di acquistare la soluzione in self-provisioning.

Innovazione

Breve descrizione degli aspetti di innovazione che caratterizzano il business dell’impresa SunLink collabora attivamente con alcuni dipartimenti di prestigiose università italiane ed estere, in particolare: DISPOC – Università di Siena Dipartimento di Ingegneria informatica – Università di Siena Washington University St. LouisOltre al sistema di ottimizzazione gestionale che consente di ottimizzare e minimizzare i consumi all’interno dell’azienda e/o della casa, Sunlink integra un sistema di intelligenza artificiale basato, sul modello del reinforcement learning, in grado di gestire l’ottimizzazione degli scambi all’interno dei contesti dove si trova ad operare ottenendo: Minimizzazione delle variazione del consumo di elettricità. Massimizzazione del fattore di carico. Riduzione range di escursione della domanda di elettricità. Minimizzazione dei picchi elettrici. Minimizzazione del consumo totale dell’energia.

Requisiti di innovazione tecnologica

R&S

Team Qualificato

Proprietà Intellettuale

classe di produzione
non disponibile
ND

Leggenda Classe di Produzione
A=1-100K euro
B=100K-500K euro
C=500K-1M euro
D=1M-2M euro
E=2M-5M euro
F=5M-10M euro
G=10M-50M euro
H=più di 5OM di euro
ND=non disponibile

classe di addetti
non disponibile

Leggenda Classe di Addetti
A=0-4 addetti
B=5-9 addetti
C=10-19 addetti
D=20-49 addetti
E=50-249 addetti
F=almeno 250 addetti
ND=non disponibile

ND
classe di capitale
5K-10K euro
3

Leggenda Classe di Capitale
1=1 euro
2=1-5K euro
3-5K-10K euro
4=10K-50K euro
5=50K-100K euro
6=100K-250K euro
7=250K-500K euro
8=500K-1M euro
9=1M-2,5M euro
10=2,5M-5M euro
11=più di 5M di euro
ND=non disponibile

prevalenza femminile
NO

Legenda prevalenza femminile/giovanile/straniera
NO: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 ≤ 50%
Maggioritaria: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 > 50%
Forte: [% del capitale sociale + % Amministratoril / 2 > 66%
Esclusiva: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 = 100%
?: Non disponibile

I dati sulla prevalenza sono riferiti al trimestre precedente

prevalenza giovanile
NO

Legenda prevalenza femminile/giovanile/straniera
NO: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 ≤ 50%
Maggioritaria: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 > 50%
Forte: [% del capitale sociale + % Amministratoril / 2 > 66%
Esclusiva: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 = 100%
?: Non disponibile

I dati sulla prevalenza sono riferiti al trimestre precedente

prevalenza straniera
NO

Legenda prevalenza femminile/giovanile/straniera
NO: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 ≤ 50%
Maggioritaria: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 > 50%
Forte: [% del capitale sociale + % Amministratoril / 2 > 66%
Esclusiva: [% del capitale sociale + % Amministratori] / 2 = 100%
?: Non disponibile

I dati sulla prevalenza sono riferiti al trimestre precedente